Un ricordo di marmo

Ricordo quando frequentavo il corso di scultura all’Accademia di Belle Arti. Lavoravo il marmo, fuori al cortile con il trespolo dove poggiava il blocco di marmo che doveva prendere la forma che avevo progettato. C’è voluto il suo tempo per vedere quel blocco prendere la forma che volevo. Ma ricordo che in tutto quel tempo trascorso quel trespolo con la scultura iniziò a diventare un punto d’incontro con i miei amici. Ci incontravamo lì, parlavamo d’arte, prendevamo il caffè e mangiavamo anche il panino.

 

La scultura come punto d’incontro

L’esperienza su scritta fu determinante nel mio modo di pensare, vedere e fare scultura. Credo che una delle caratteristiche della scultura sia proprio quello di essere pubblica, ovvero trovare la sua posizione in uno spazio pubblico. La scultura come gli antichi monumenti, le piazze della nostra città o paese diventano punti d’incontro nella nostra società. La scultura contemporanea ha questo compito ben preciso di creare nuovi punti d’incontro. Oggigiorno dove ci si preferisce restare in casa perché si può comprare dalla A alla Z sul web, dove possiamo essere comodamente a casa per socializzare con il nostro amico sui social network, abbiamo bisogno di nuovi punti d’incontro per poterci ritrovare per strada e non vederci solamente virtualmente. (Vedi articolo: Ma l’arte ha uno scopo?)

 

Non solo marmo

I materiali da usare per fare una scultura sono quasi infiniti per dire che ce ne sono molti. I tradizionali sono marmo (pietre), legno, metallo, argilla, bronzo e altri ancora. Mentre quelli più moderni sono la plastilina, la resina, la gomma e altri ancora. La vastità dei materiali permettono di poter esprimere il concetto scegliendo il materiale giusto.

 

Intaglio, modellato e stampo

Le principali tecniche della scultura sono l’intaglio, il modellato e gli stampi.
  • L’intaglio è quella tecnica nella quale si sottrae la materia superflua. Si inizia prima un abbozzo e poi si continua con la definizione dei dettagli.
  • Modellato è quella tecnica con la quale si modellano materiali plasmabili.
  • Gli stampi sono l’ impronta del modello; in essi viene colato un materiale fluido o semifluido così da formare il modello.

 

Anche le tecniche possono essere usate a seconda del concetto, del pensiero che lo scultore vuole trasmettere attraverso la sua opera.

 

Condividi questo articolo!

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter